Voliera

Per Aspera ad Astra – Come riconfigurare il carcere attraverso la cultura e la bellezza

scritto e diretto da Vittoria Corallo

Voliera

Per Aspera ad Astra – Come riconfigurare il carcere attraverso la cultura e la bellezza

scritto e diretto da Vittoria Corallo

“Voliera – spiega Vittoria Corallo – è un’opera visuale che è nata nella Casa Circondariale di Capanne durante la pandemia, per continuare un percorso artistico e formativo che altrimenti rischiava di fermarsi. Volevamo fare uno spettacolo teatrale aperto al pubblico, che fosse liberamente ispirato a Gli Uccelli di Aristofane, per mesi ci siamo preparati esplorando alcune delle tematiche che quel testo ci suggeriva. Per esempio il rapporto tra l’individuo e lo spazio in cui vive, il rapporto tra i metri quadrati che abita e la libertà sociale che questi gli concedono. Il materiale raccolto si è sedimentato ed è poi apparso in visioni a cui ho creduto, una di queste, quella che più mi ha sorpreso vedendola materializzarsi è stata la relazione tra le persone e i propri cani, e tra le persone ed altre persone diverse per etnia e cultura, questa è diventata per me un’allegoria di qualcosa di attuale e confuso del nostro spazio interiore e sociale. Uno degli obbiettivi del progetto Per Aspera ad Astra è quello espresso nel suo titolo completo: “Riconfigurare il carcere attraverso Cultura e Bellezza”, con questo in mente ho cercato di attraversare i contenuti esplorati nei mesi precedenti insieme agli attori detenuti con un linguaggio simbolico e poetico: per trasfigurare il carcere fisico, il carcere estetico e contenutistico, per trasfigurare il tempo del carcere e il tempo della pandemia. Volevamo prendere quel poco concesso e portarlo fino a dove si poteva estendere, anche questo per noi è stato un tentativo di volo.”

 

Date e orari

TEATRO
Sala virtuale del cinema Postmodernissimo dall'8 al 17 gennaio
DATA
ven 8 gen 2021
ORARIO
19

Locandina

direttore della fotografia Riccardo Dogana
luci Emiliano Austeri
suono Giacomo Agnifili
con attori detenuti della Casa Circondariale di Capanne,
attrici alunne del liceo Classico A. Mariotti
tecnici detenuti della Casa Circondariale di Capanne
produzione Teatro Stabile dell’Umbria
seconda edizione di Per Aspera ad Astra – riconfigurare il
carcere attraverso la cultura e la bellezza promosso da ACRI
con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia
in collaborazione con Casa Circondariale di Capanne

durata 10′

direttore della fotografia Riccardo Dogana
luci Emiliano Austeri
suono Giacomo Agnifili
con attori detenuti della Casa Circondariale di Capanne,
attrici alunne del liceo Classico A. Mariotti
tecnici detenuti della Casa Circondariale di Capanne
produzione Teatro Stabile dell’Umbria
seconda edizione di Per Aspera ad Astra – riconfigurare il
carcere attraverso la cultura e la bellezza promosso da ACRI
con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia
in collaborazione con Casa Circondariale di Capanne

durata 10′

Video e interviste