OSEMAN

il cielo



La poetica delle opere di Magritte e Chagall ispirano Ósemán, che in persiano vuol dire “il cielo”, uno spettacolo che nasce da una riflessione sulla luna blu, lo straordinario accadimento astronomico durante il quale si assiste al sorgere di due lune piene nell’arco di un solo mese. Alcuni incontri nella vita sono rari quanto la luna blu, e straordinaria è allo stesso modo la capacità degli esseri umani di provare un amore che sia puro ed incondizionato, frutto di una scelta libera, incurante delle rinunce o delle circostanze imposte dal destino. E così in Ósemán, la danza diventa a tratti docile e a tratti irruente, proprio come la nostra corsa dietro alla nuvola che si adegua ai percorsi e a i mondi da attraversare; il suo linguaggio fatto di piccoli movimenti e gesti, minuziosi dettagli e sfumature che hanno dello straordinario diviene eloquente e coglie in una esperienza unica il romanticismo e il sapore amaro dell’oblio. Ósemán racconta un momento in cui l’amore ci chiama a danzare, pullulanti, caldi, violenti e audaci, sotto un cielo in tempesta


ideazione, coreografia e regia Afshin Varjavandi
danzatori performer Luca Calderini, Mattia Maiotti, Jenny Mattaioli, Elia Pangaro, Debora Renzi
disegno luci Fabio Galeotti
suono Nicola Fumo Frattegiani
foto Costanza Coloni

una produzione INC InNprogress Collective
in associazione con Déjà Donné



Le date

STAGIONE_20172018
CITTA' DI CASTELLO - Teatro degli Illuminati - ven 23 feb 2018 - ore 21



Approfondimenti