LACCI



Dopo il grande successo de La scuola, Silvio Orlando con Lacci ritorna alla scrittura di Domenico Starnone e penetra da un’altra porta le crepe e le fragilità del mondo in cui viviamo: questa volta attraverso il sistema della famiglia. «Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie». Si apre così la lettera che Vanda scrive al marito che se n’è andato di casa. Si sono sposati giovani all’inizio degli anni Sessanta, per desiderio di indipendenza, ma poi attorno a loro il mondo è cambiato e lui ora se ne sta a Roma, innamorato della grazia lieve di una sconosciuta con cui i giorni sono sempre gioiosi, e lei a Napoli con i figli, a misurare l’estensione del silenzio e il crescere dell’estraneità. Che cosa siamo disposti a sacrificare, pur di non sentirci in trappola? E che cosa perdiamo, quando scegliamo di tornare sui nostri passi? Perché niente è più radicale dell’abbandono, ma niente è più tenace di quei lacci invisibili che legano le persone le une alle altre. Domenico Starnone ci regala una storia emozionante e fortissima.


di Domenico Starnone
tratto dall’omonimo romanzo di Domenico Starnone
con Silvio Orlando
e con Pier Giorgio Bell occhio, Roberto Nobile, Maria Laura Rondanini, Vanessa Scalera e Matteo Lucchini
regia Armando Pugliese
scene Roberto Crea
costumi Silvia Polidori
musiche Stefano Mainetti
luci Gaetano La Mela

una produzione Cardellino S.r.l.



Le date

STAGIONE_20172018
SOLOMEO - Teatro Cucinelli - lun 12 feb 2018 - ore 21
SOLOMEO - Teatro Cucinelli - mar 13 feb 2018 - ore 21



Approfondimenti