IN GIRUM IMUS NOCTE ET CONSUMIMUR IGNI

Andiamo in giro la notte e siamo consumati dal fuoco



Uno scabro bianco e nero e una musica ipnotica sono l’ambiente nel quale si inanellano le micro narrazioni di questo peripatetico spettacolo notturno a cavallo fra cinema, danza e teatro. Illuminato dalla fredda luce di un video proiettore che scandisce spazi, tempi e geometrie, il nero profondo dei costumi rende diafani i personaggi e li proietta in un passato senza tempo abitato da un’umanità allo sbando che avanza e si dibatte con una gestualità brusca, emotiva e scomposta, oltre lo sfinimento; mentre il ritmo martellante trasporta poco a poco in una dimensione ipnotica e a un’empatia quasi fisica con la fatica degli interpreti.
“Lavoro avvincente. L’affascinante e misterioso palindromo latino è lo spunto per un affresco umano degno di Bosch o di Bruegel, puro medioevo contemporaneo. Cinque formidabili interpreti nerovestiti. L’incipit insistito dello spettacolo è folgorante: quella postura dei corpi, quel camminare a vuoto, quegli sguardi appesantiti sono l’emblema tragico dell’eterno ritorno del presente.” Andrea Porcheddu, Gli Stati Generali


di Roberto Castello, in collaborazione con la compagnia
con Mariano Nieddu, Stefano Questorio, Giselda Ranieri, Ilenia Romano
assistente Alessandra Moretti
luci, musica, costumi Roberto Castello

produzione ALDES



Le date

STAGIONE20192020

SABATO 1 FEBBRAIO 2020, ore 18



Approfondimenti