IL GRANDE RIFIUTO



Cosa sarebbe accaduto se? È possibile cambiare il corso della storia? Nell’agosto del 1914 era previsto un congresso della Seconda Internazionale Socialista a Vienna con l’obiettivo di reagire a un possibile inizio della Grande Guerra con uno sciopero generale, che avrebbe fatto crollare le infrastrutture dei paesi coinvolti e impedito l’avvio del conflitto. Il congresso e lo sciopero non ebbero mai luogo. I discorsi e gli interventi dei partecipanti al congresso erano ormai scritti, le richieste di permesso formulate e inoltrate, ma la guerra ne anticipò e annullò l’attuarsi. Nell’anno in cui ricorre il centenario dell’inizio della Prima Guerra Mondiale, Il grande rifiuto esplora le possibilità individuali e collettive di cambiare gli eventi attraverso il re-enactment di una storia che non ha mai avuto luogo e di cui non si conosce la fine. Il pubblico viene invitato a prendere parte ad una fiction storica: il congresso dell’Internazionale Socialista avrà luogo a Terni, aprendo un universo parallelo, nel quale si mette in discussione la guerra come destino ineluttabile.


Di: Ligna
Coordinamento artistico e produzione: Elena Basteri, Emanuele Guidi,Elisa Ricci
Coordinamento amministrativo: Verena Rastner (ar/ge kunst, Bolzano/Bozen)
Voci: Lucia Chiarla, Daniele Fior, Aurora Kellermann, Michele Ormas, Luna Cesari
Traduzione: Elena Basteri, Elisa Ricci
Produzione: Ligna /Teatro Stabile dell'Umbria / Terni Festival
Partner coproduttivi : kunst Bolzano / Bozen /Festival Transart Bolzano / Bozen, Santarcangelo 2015 Festival Internazionale del Teatro in Piazza; On; Fondazione Luzzati - Teatro della Tosse;
Sostenuto da: Goethe - Institut Genua; Goethe - Institut Mailand
Sostegno al programma di residenze: Goethe - Institut e.V. Ligna
Si ringrazia: Franco Berardi Bifo; Max Herold; Marco Marzi; Sandro Mezzadra; Cecilia Muraro; Hannes Obermair; Mirko Saltori; Sebastiano Tringali; Cecilia Troiano; Oswald Überegger



Le date

DOMENICA 20 SETTEMBRE
CAOS
H 18.00



Approfondimenti