IL GIURAMENTO



Le teste si possono tagliare o contare. Il regime fascista nelle università italiane scelse entrambe le soluzioni. Di teste ne contò milleduecento trentotto. Dodici furono quelle che tagliò. Eroi per caso di un'Italia civile a cui era rimasta solo quell'estrema risorsa di dignità: il diritto a un rifiuto. Accadeva il 13 novembre 1931. Il testo teatrale racconta di uno di loro. Si chiama Mario Carrara e quando il Rettore gli comunica la data e le prescrizioni del giuramento - fedeltà al re e al duce - Carrara capisce di non poterlo fare. Non giura. Non può. Non potrà mai più. Il giorno dopo le cattedre dei reprobi vengono immediatamente riassegnate. Nessuno dei nuovi docenti si tira indietro. Alla storia restano solo i nomi dei dodici che seppero dire di no a Mussolini. Mario Carrara fu uno di loro.


di Claudio Fava
regia Ninni Bruschetta
con David Coco
e in o. a. Antonio Alveario, Pietro Casano, Stefania Ugomari Di Blas, Federico Fiorenza, Luca Iacono, Simone Luglio, Liborio Natali, Alessandro Romano

una produzione Teatro Stabile di Catania, Teatro Biondo Palermo



Le date

STAGIONE_20172018
TERNI - Teatro Secci - gio 1 feb 2018 - ore 21
TERNI - Teatro Secci - gio 1 feb 2018 - ore 21
CITTA' DI CASTELLO
- Teatro degli Illuminati - dom 4 feb 2018 - ore 21
FOLIGNO
- Politeama Clarici - mer 7 feb 2018 - ore 21
SPOLETO
- Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti - ven 9 feb 2018 - ore 21
AMELIA
- Teatro Sociale - dom 11 feb 2018 - ore 17





Approfondimenti