Leonardo Delogu

Compagnie umbre


leonardo.delogu@gmail.com / info@casastrasse.org / www.casastrasse.org /+39 3208638472


KING
Un progetto di Leonardo Delogu

“Io abito il mio corpo come una casa su una frana”
Franco Arminio

Dopo la mia esperienza di lavoro come interprete ho avuto il bisogno di fermarmi per scendere nelle profondità dei principi fondanti di quello che chiamiamo teatro e danza. Avevo bisogno di andare alla radice per poter avanzare. Cosi due anni fa ho aperto un capitolo di ricerca sulla relazione tra spazio e corpo partendo dalla costatazione che in primis queste due arti sono uno o più corpi in uno spazio. Da qui ho proceduto affiancando questioni a me care. Nello specifico ho messo in relazione la mia passione per gli spazi abbandonati, per le periferie, per gli spazi interstiziali, per i vuoti derivati dalla progettazione razionale della mente dell’uomo con il mio viaggio di studio dentro i principi del movimento e del corpo. Da qui è nato camminare nella frana un ciclo di seminari in cui ho potuto arricchire le informazioni a disposizione con l’esperienza dei partecipanti. King è l’approdo di questo viaggio non tanto nella definizione di una forma definita, quanto nella necessità di far fiorire il materiale curato durante questo tempo di studio. Mi accorgo che abbiamo lavorato intorno al tema del caos, del disastro,della fine Un viaggio a piedi, a volte quasi inchinato a volte frontale e aperto dentro l’inutile, il dimenticato, l’oblio sia esterno che interno. E ancora non nella rappresentazione di tutto ciò ma nell’alone, nella possibilità di riportare nella scena le frequenze sottili, gli echi, i riverberi di quelle esperienze Abbiamo utilizzato la memoria del corpo e del pensiero per ricostruire uno spazio, un contesto da cui generare nuovi segni, nuove figure, nuove relazioni, nuove parole. Anche la luce e il suono si sono sviluppati dentro questo contenitore procedendo dentro una memoria segreta che ha indicato la strada della composizione. Ne consegue un paesaggio abitato da segni, architetture sonore e luminose, e da una comunità di figure impegnate nel loro lavoro di costruzione e demolizione. Un paesaggio in movimento che si adatta e si nutre del presente in cui accade l’incontro con il pubblico testimone. Un paesaggio che ha in sé i segni e i movimenti del disastro e della rinascita.


Ideazione e guida: Leonardo Delogu
Con: Leonardo Delogu, Elena Fecit, Sara Leghissa, Francesco Laterza, Valerio Sirna
Suono: Davide Tidoni
Luci: Luca Poncetta
una produzione STRASSE in co-produzione con SOSTA PALMIZI e con il sostegno di
L’ANIMAL A L’ESQUENA

Leonardo Delogu/Artisti Associati Sosta Palmizi con il sostegno di MiBAC - Dipartimento Spettacolo, REGIONE TOSCANA - DG Politiche formative, beni e attività culturali - Settore Spettacolo e progetti speciali per la cultura, Fondazione Monte dei Paschi di Siena.

Contatti:
leonardo.delogu@gmail.com
info@casastrasse.org
www.casastrasse.org
+39 3208638472


Leonardo Delogu nato a Terni nel 1981 Inizia gli studi di teatro nel 2002 con la scuola europea per l’attore realizzata dalla Fondazione Emilia Romagna Teatro per la direzione artistica di Cesare Ronconi e Mariangela Gualtieri delTeatro Valdoca. Qui studia fra gli altri con Danio Manfredini, Catia dalla Muta,Gabriella Rusticali, Carolina Talon Sampieri, Rhuena Bracci. Dopo la scuola entra nella compagnia e lavora praticamente in tutti i principali lavori prodotti fino ad oggi. Ora con il teatro Valdoca è impegnato nella tournèe dell’ultima creazione “ Caino”., Dal febbraio 2009 a giugno 2010 fa parte del gruppo di lavoro biennale sulle nuove scritture per la danza contemporanea diretto da Raffaella Giordano, supportato dal Teatro Stabile di Torino e dall’Arboreto di Mondaino, dove studia tra gli altri con Chiara Guidi, Francesca dalla Monica, Cinzia de Lorenzi. Da questa esperienza fonderà insieme ad altri 11 artisti la famigliafuchè collettivo di giovani attori e danzatori impegnati nello studio del corpo e dell’improvvisazione. Dal 2010 inizia la collaborazione con la compagnia di danza catalana Malpelo. Nel 2011 inizia a seguire i seminari di danza sensibile condotti da Claude Coldy. Nel 2009 comincia un personale percorso di ricerca che porta alla realizzazione del progetto "Tu sei dunque venuto in questa casa per distruggere" e la performance "io sono dei vostri" di cui è regista e interprete. Ora è impegnato nel nuovo progetto King. Dal 2011 è entrato a fare parte del collettivo di artisti Strasse.